Julien Friedler

Julien Friedler (Bruxelles,1950) è una figura singolare nel panorama dell’arte contemporanea. Il passato letterario, la formazione come psicanalista, l’amore per la filosofia e la scrittura di diverse opere erudite, nonché il suo gusto per i viaggi e per l’incontro con realtà diverse e spesso lontane hanno edificato la base di un pensiero labirintico che vede nelle arti visive un’emblematica ipotesi realizzativa. Dipinti, sculture, installazioni sono i portavoce di un immaginario ricolmo, e costituiscono i segni visibili di una verità mitica che l’artista sviluppa attraverso tematiche dal taglio molto personale.

L’artista belga si fa portatore di una visione umanista, delineata tramite le opere ma anche con un’attività di condivisione che porta avanti attraverso Spirit of Boz, associazione nata per instaurare – praticando l’espressione orale, letteraria, pittorica e creativa in generale – scambi e legami, costituendo così una comunità di pensieri e testimonianze su realtà individuali e collettive, provenienti da svariati luoghi del mondo. Tale realtà esprime l’urgenza di riconciliare azione e contemplazione, nell’intento di promuovere un pensiero umanista e catartico. Il suo universo, in evoluzione permanente, comporta sfaccettature contrapposte, le une d’ispirazione collettiva, le altre di meditazione individuale. È a quest’ultimo aspetto che appartengono la produzione pittorica.

L’arte di Friedler mette in moto sensazioni, relazioni, analisi, ed è concepita come azione inclusiva di tutte le espressioni vitali, derivino esse dalla propria esperienza o da quella altrui. La sua azione, di conseguenza, riveste molteplici aspetti e abbraccia vari campi, dalla letteratura alla filosofia, dall’analisi sociologica alle arti plastiche (pittura, scultura). Il suo linguaggio comporta una produzione pittorica generata dalla necessità creatrice, dal desiderio di trasmissione spontanea e viscerale, derivante dal «tentativo di scoprire ciò che costituisce l’essenza passionale delle persone». Friedler procede secondo modalità quasi ipnotiche, senza vincolo di soggetti, di materiali messi in opera, definendo così un ritmo, un modo d’espressione informale. La sua energia in espansione deriva dalla capacità di dissociazione e introspezione che applica a se stesso prima di interessarsi agli altri, scoprendo nell’altro le motivazioni più intime. Un viaggio per esplorare l’animo umanonella sua complessità atavica e universale.

Mostre personali / Solo Exhibitions

2020
o Mapping, Fondazione Sant’Elia, Loggiato di San Bartolomeo, Palermo PA
o Mapping, Palazzo Libera, Villa Lagarina, TN
o La Forêt des âmes, Beffroi de Saint-Germain L’auxerrois, place du Louvre, Paris

2019
o Boz Mythology, Julien Friedler , Stash Gallery – the Crypt, Londra
o Les Innocents, Forte Santa Tecla, San Remo

2018
o Behind the world, Julien Friedler , Complesso del Vittoriano, Roma
o La parole des Anges, La Cité Miroir, Liège
o Vibrations, exposition de Julien Friedler à la Chiesa della Madonna del Duomo Vecchio, Arezzo (It)
o Julien Friedler,  La Parole des Anges, SR-Valverde Gallery, Bruxelles
o Be Boz Be Art and Friedler’s paintings, galleria gli Acrobati, Torino
o Spirit of Boz Paintings – Julien Friedler, Berlaymont Building, Commission Européenne, Bruxelles

2017
o Accrochage, Spirit of Boz Association, Knokke
o La Forêt des âmes,  Chiesa Santi Giovanni e Paolo, Spoleto
o Boz Legend, Castello di Rivara-Museo d’Arte Contemporanea, Rivara (To)
o Face to Face, Museo Villa Croce, Genova e Galleria Unimedia Modern, Genova

2016
o La Forêt des âmes, Museoteatro della Commenda di Pré, Genova
o Retro Boz, Museo delle Arti Visive,  Palazzo Collicola, Spoleto (cat.)
o La Forêt des Âmes, Alliance française, Venezia
o Mania Boz, Museo Civico Villa Bassi, Abano Terme

2015
o Mania Boz, Fondazione, Mudima, Milano (cat.) o Amok & Kalinka, Riflemaker, 79 Beak Street, London
o Tre opere e incontro sul tema L’Artista sciamano  with Philippe Daverio and Julien Friedler, former Anglican Church, Bordighera, Italy

2014 – 2015 o VoyageMuseo civico Archeologico Girolamo Rossi – Forte dell’Annunziata, Ventimiglia, Italy  (Cat.) 2012 o  Galerie Gourvennec-Ogor, Marseille 2010  o  Spirit of Boz, the Truth of the Labyrinth, CW Gallery, New York2009 o  MUBE, São Pauloo  Dialogues, The National Gallery For Foreign Art, Soao  Jack Balance, Christopher Henry Gallery, New York2008 o  Be Boz, Heilig Kreuz Kirche – Sotheby’s, Munich2007 o  In Quest, curated by Michel Dewilde – Galerie Philippe Seghers, Oostende2005 o  The Innocents (Music: Messiaen, text: Primo Levi) o   La Parole des Anges, Galerie Philippe Cazeau La Beraudiere, Paris 2004 o  Paroles et Paraboles ou le Mythe en question, Passage de Retz, Pariso  Memories, David Di Maggio Gallery, Berlin2003

o  L’Infanzia dell’Arte, curator: Dominique Stella, Fondazione Mudima, Milan (cat.)

Le opere

Mostre collettive/ Group Exhibitions / Expositions Collectives

2019
o Rassegna Singolare Plurale, Arti Relazionali e Irregolari di Palazzo Barolo, Torino

2018
o Accrochage, Outsider Art Fair, Parigi con la Galleria Gliacrobati di Torino
o Labrys, The Truth of the Labyrinth, Gorizia, Italia
o Labrys, The Truth of the Labyrinth, Spazio Testoni, Bologna.

2017
o Fiera Outsider, international art fair, Paris, galleria M&M, Genova

2016
o International Art Project 2016, Cap d’Ail.
o Gilgamesh, for inauguration of Fondazione Casa della Divina Bellezza, Forza d’Agrò.
o  Fiera di Bologna, Spazio Testoni, Bologna.

2015
o  La Vérité du Labyrinthe, with Rebecca Ballestra, Spazio Testoni, Bologna
La Parole des Anges, Biennale 2015, with Rebecca Ballestra, Palazzo Molin, Venice (cat.)
o  Bienal de las Fronteras Taumapilas

2011
o  Inauguration, Galerie Gourvennec-Ogor, Marseille
o  Mix the Path, Heidi Galerie, Nantes

 2009
o  African Icons, Curator: Isolde Brielmaier, Galerie Jack Shainman, New York

2007
o  The Demoiselles Revisited, Francis Naumann Gallery, New York

2005
o  Armory Show, Galerie Roger Pailhas, New York

2004
o   De leur Temps – Collections privées françaises, Musée des Beaux-Arts, Tourcoing o  Vanitas, Eitelkeit der Eitelkeiten, IKOB, Eupen

2003
o  Art Brussels, Galerie Damasquine, Brussels
o  Art Basel, Galerie Roger Pailhas, Basel

Ultime publicazioni e cataloghi

Une vie d’Art,  Editions La route de la Soie, 2019, Texte Sonia Bressler

Julien Friedler, Behind the worl, Éditions La Route de la soie, Paris. Testi di Dominique Stella, 2018

La Parole des Anges, Valverde Art Gallery, Bruxelles, 2018

La Parole des Anges, Éditions la Route de la Soie, 2018, texte Dominique Stella

Retro Boz/Mania Boz, testi di Dominique Stella, Gianluca Marziani, ed. Mudima, Milano, 2016

Mania Boz, testi di Dominique Stella, Gianluca Ranzi, ed. Mudima, Milano, 2015

Maria Rebeca Ballestra/Julien friedler, Testi di Dominique Stella, Palazzo Molin del Cuoridoro, Venezia, 2015

Julien Friedler, Voyage,  Jacques Flament Éditions, Paris, 2014

Spirit of Boz, Julien Friedler, Jacques Flament Editions, La Neuville aux Joutes, 2014

Julien Friedler, de la Métaphysique de L’errance, de Sonia Bressler, Jacques Flament Editions, La Neuville aux Joutes, 2013

Double Vue, 50 fragments pour Julien Friedler de Nobert Hillaire,  Somogy Editions d’Art Paris, 2012

Se sei interessato ad alcune opere dell’artista, contattaci.

Contattaci