Celiberti Giorgio

Nato a Udine nel 1929, frequenta a Venezia il Liceo artistico e poi lo studio di Emilio Vedova, divide con Tancredi la camera-studio alla pensione Accademia, frequenta in quel periodo Carlo Ciussi, Marco Fantoni e Romano Parmeggiani. L’ingresso ufficiale nella scena artistica mondiale avviene a soli 19 anni con la partecipazione alla Biennale di Venezia nel 1948, la prima del dopoguerra. Sulle orme dello zio Modotto, uno dei più importanti Artisti dell’inizio secolo, si trasferisce a Parigi prima e poi a Bruxelles, dal 1957 al 1958 è a Londra dove frequenta Bacon e Sutherland, viaggia instancabilmente e soggiorna negli Stati Uniti, in Messico, a Cuba, in Venezuela.Rientrato in patria soggiorna lungamente a Roma dove frequenta i massimi esponenti del panorama artistico del momento; alla metà degli anni sessanta rientra ad Udine da dove parte per un viaggio che lo porterà a visitare il lager di Terezin, vicino a Praga, dove migliaia di bambini ebrei, prima di essere uccisi, avevano lasciato brevi testimonianze sotto forma di incisioni o brevi poesie a toccante ricordo della loro tragedia. Da questa esperienza traumatica nasce la serie dei dipinti detta dei:”Lager”o di “Terezin”, forse la più nota presso il grande pubblico.Ha utilizzato ogni tipo di materiale per realizzare la sua produzione artistica: la carta, la tela,l’affresco, il vetro, il legno ed ogni tipo di metallo. Vastissimi i campi esplorati dalla pittura all’oreficeria, dall’incisione alla scultura con la realizzazione di enormi stele ed ogni sorta di animali a grandezza naturale.


CONTATTACI IN PRIVATO

n

Bra
Crociara Renzo