Zero Mentale presenta la sua mostra personale

INAUGURAZIONE
SALA SAMONA’ – VIA ROMA 157 PADOVA
VENERDI’ 19 LUGLIO – ORE 18-.00

Manrico Baldo (Padova, 1972) – alias Zero Mentale –
Diplomato presso l’Istituto d’Arte P. Selvatico di Padova, si è successivamente laureato in Architettura a Venezia.
Formatosi nella tecnica dell’areografia e nella ricerca di nuovi materiali è in continua evoluzione emozionale tra esperienza e pittura.
La passione per l’aerografia segna un importante apporto all’identità artistica di Zero Mentale. Un interesse che in breve tempo lo porta a un affinamento nella gestione e nella tecnica dei materiali.
Le atmosfere vivaci e i colori luminosi che animavano le scocche per moto, serbatoi, caschi e qualsiasi superficie personalizzabile, sono così trasposti sul legno. Grazie al sapiente utilizzo di svariate vernici, le tavole assumono in breve una superficie patinata e traslucida, che si distinguono per il forte impatto visivo, il valore stilistico e la precisione del tratto.
Il punto di partenza è una formulazione di osservazione che si proietta nelle sue composizioni attraverso la creazione di un “impulso mentale” detto sinapsi che vede la genesi, partendo da una terminazione nervosa, di un complesso viaggio di un pensiero che si snoda tra forme e colori. Sinapsi significa “toccare” e “connettere” due terminologie che consentono la comunicazione e la strutturazione di un concetto. Il lavoro dell’artista si basa sulla composizione pittorica di configurazioni che inscenano la nascita di una forma.
Zero Mentale fissa non tanto la formulazione di un “impulso mentale” quanto quella di un “impulso creativo”: dà voce ai pensieri in maniera surreale, si è davanti al predominio di un mondo creato solo da suggestioni, quello che arriva agli occhi dello spettatore sono le basi della creazione mentale così come immaginate dal suo autore.
L’artista Zero Mentale, figlio di un’arte contemporanea sempre più urban life, negli ultimi anni si è avvicinato al mondo della Street art,cimentandosi in opere murarie. Sui muri nascono cosi graffiti e messaggi per il cuore contemporaneo della vita metropolitana; l’uso di spray, vernici, aerografo, stencil fa si che il messaggio passi sulla pelle della città.